Actualité

Conferenza del Prof. Belzung “Un approccio interdisciplinare per curare la depressione”

  • Recherche,
  • Santé-Sciences-Technologie,
  • Santé-social,
Date(s)

le 13 décembre 2019

19h30
Lieu(x)
Lungotevere dell'Acqua
Acetosa, 42
00197 Roma

Un approccio interdisciplinare per curare la depressione

Il Circolo degli Esteri ospiterà giovedì 13 dicembre 2019, alle ore 19,30, la conferenza del Prof. Catherine Belzung, Neuroscienzata  già da tempo insignita della prestigiosa “Legion d’Honneur” per i suoi studi, attività didattica e risultati conseguiti, dal titolo “Un approccio interdisciplinare per curare la depressione”.

“Cosa spinge una neuroscienziata a soffermarsi su questo argomento ? La prassi troppo diffusa di ricorrere a farmaci che non curano ma sedano adolescenti ed adulti ignorano l’approccio interdisciplinare che apre altre vie a  ristabilire il rapporto dell’individuo con se stesso, la famiglia, gli amici e la società. La ricerca e pratica psichiatrica, particolarmente in certi Paesi, soffre per la mancanza di terapie innovative. L’esperienza mi ha insegnato che la vera innovazione si manifesta in un campo del sapere solo attraverso concetti e tecniche provenienti da altri campi, che richiedono un dialogo aperto tra esperti delle più varie discipline” (C. Belzung).

Catherine Belzung  (57 anni)  è professore ordinario all’Università di Tours e membro “senior” dell’Istituto Universitario di Francia. Coordina “iBrain”, un Istituto di Ricerca “Inserm” dedicato alla ricerca psichiatrica in cui collaborano accademici di quattordici differenti discipline, tra le quali psichiatria, biologia, fisica, linguistica, filosofia.

Autrice di 170 pubblicazioni scientifiche e di due monografie specialistiche, anche tra i suoi allievi figurano diverse importanti figure dell’attuale panorama scientifico.

Modera:
Luca Fiorani
Ricercatore ENEA
Docente presso le università Lumsa, Marconi e Roma Tre
Coordinatore e membro direttivo di società scientifiche
Rappresentante dell’Italia al PAME del Consiglio Artico

Contact :
Prof. Catherine Belzung :